Diario 8 e 9 Giugno 2020

Lamponi
Lamponi del mio orto

8 Giugno, lunedì

Sal è partito per Trento dopo colazione.
Io partirò per Gorizia nel primo pomeriggio, ora voglio dare una “remenata” al mio orto-giungla preistorica.
Taglio mezza aiuola di radicchio e le coste, raccolgo i fagiolini. Più tardi porterò il tutto a mia mamma insieme con il surplus di zucchine. Non ho un granché di orto, ma quando le verdure decidono di crescere, esplodono tutte su un colpo! La mia mamma le cucinerà e insacchetterà nel freezer, pronte per i nostri pranzi futuri.
Siccome mi pagano a cottimo, velocemente raccolgo anche il ribes e alle 13.30 finisco di lavarlo, asciugarlo e metterlo in freezer, così quando tornerò potrò fare la marmellata. Tra una settimana ce ne sarà dell’altro maturo e presumo saranno pronti anche i lamponi.
Parto alle 14.30, solita strada, arrivo alle 17 nonostante il poco traffico. Va tutto bene fino all’uscita di Cimpello, poi sulla Pontebbana comincia a piovere forte. Sterminati campi seminati che si trasformano in risaie, il fossato con le bianche calle tra poco straripa. Non conto le rotonde da passare, forse sono più di una ventina. Finalmente il Tagliamento ha un corso decente, mi doleva vederlo languire tra le ghiaie del suo largo letto. Intravedo il Campanile di Mortegliano, prima o poi ci voglio andare, non oggi che fa temporale. A 30 km da Palmanova si sono aperte le cataratte ed è sceso il diluvio. Rallentiamo tutti, non ci si vede a 10 metri e i Tir ti rovesciano l’acqua addosso, non bastasse quella che cade. Anche i torrenti, di solito asciutti, sono resuscitati, il Versa e il Torre, acque torbide. Sono ansiosa di vedere l’Isonzo. A Farra d’Isonzo (Fara, fortezza, anche qui son passati i Longobardi come da noi nel bellunese) smette di piovere. Passo il fiume, bello carico d’acqua e giro la penultima rotatoria.
Arrivo stralunata, mio nipote mi corre incontro, è proprio un “salta paiuz” una cavalletta agile e cucciolosa, il mio amore.
A Gorizia pare non abbia neanche fatto una goccia, riesco a andare con Alessio al Parco Piuma, ci sono pochi bambini e ci divertiamo coi giochi. Che bello, fino a venerdì niente pranzi o cene da preparare, sono una nonna fuori dal comune, scordatevi la vecchina con le mani in pasta, io salto e gioco.

9 Giugno, martedì

Tempo incerto. Tour panettiere- fruttivendolo con Alessio, nel primo negozio riceve il solito cioccolatino. Sia io che mia figlia abbiamo tentato di comperarne un sacchetto da lasciare in deposito, ma la simpatica coppia di panettieri non ha accettato.
Giochiamo in cortile, così se piove ci ritiriamo in casa, come le chiocciole quando gli tocchi i cornini.
Mia figlia sta tentando di “spannolinare” il figlio, ma mio nipote per il momento si rifiuta di fare i suoi bisognini nel water. Pazienza, tanta.
Nel pomeriggio, a sorpresa, sole. Andiamo tutti e quattro al Castello che domina la città, è chiuso (un accidenti al Covid) e ripieghiamo sul parco boschivo sul lato nord del colle. Scendiamo per il sentiero e ci fermiamo nel piccolo spiazzo dove ci sono i giochi per bambini. Alessio è il solo bimbo, ci sono cinque o sei adolescenti di ambo i sessi che occupano abusivamente la giostra, del resto cosa è previsto per loro? Zero.
Naturale che Alessio voglia far parte del gruppo, lui si sente grande. Un giro o due e poi riusciamo a dirottarlo verso altalena e scivolo, lasciando i ragazzi in pace.
Il difficile è stato strapparlo da lì, Silvio deve prenderlo in braccio mentre si dibatte, Chiara poi se lo porta su a cavalluccio.
A cena arrosticini, non sono celestiali come quelli che ho mangiato con Sal in Abruzzo, a Campotosto, ma comunque buoni. Mio nipote è un carnivoro, se li divora.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.