Per Te

La mia anima protesa
tesse sottili fili di grazia,
un verso di poesia,
una traccia di racconto,
presto dispersi e disfatti
ma continua a tessere, instancabile.

La mia anima si tende
ad allacciare fili di speranza
spinge lo sguardo oltre l’orizzonte,
oltre le lune ed i mondi, oltre i deserti,
tesse, tesse per non morire.

Tesse ricordi di tenerezza:
la voce della madre, la sua carezza, il suo canto,
lo sguardo del padre, la sua mano, il suo passo,
tesse fragili pensieri alati
come semi d’acero
come semi di tarassaco: per non morire.

Sempre rigettata indietro,
scossa e delusa dai giorni
in cui nulla dei miei desideri si avvera
la mia anima non si arrende e sogna,
tesse sogni di bellezza, per non morire.

Si aggrappa ad ogni piccola luce
s’incammina per raggiungerla
al di là dei monti, al di là dei mari, lontano.

La mia anima culla un prezioso, unico dono,
due occhi chiari di neonata già aperti,
già saggi.

Mia unica, mio tesoro,
la mia anima protesa
richiude su ti te le sue braccia
e si allarga all’infinito,
mio unico amore.

La tua mamma, che oggi si sentiva in vena di poesia.
E ti ricorda che le poesie sono solo versi e i poeti un po’ matti.

Paola Marini Gardin, giovedì  3 gennaio 2013
© Copyright Paola G.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.